tag foto 1 tag foto 6 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6

11/01/17

Zelten

Il primo post del 2017 non poteva che essere un dolce....per una golosa come me....
Durante queste feste non ho avuto molto tempo per preparare i dolci di Natale, ma un dolce non poteva mancare...
Il dolce che ho preparato è arrivato a casa mia e di mio marito come regalo per il nostro matrimonio, il 13 di dicembre, da un nostro amico tedesco.
Quest'anno l'ho preparato per il nostro anniversario ma ho scoperto che è anche un dolce tipico delle festività natalizie del Trentino.

Un dolce molto buono e genuino ma....molto calorico!!!!

Alcuni ingredienti sono frutta secca, fichi secchi, uvetta, cannella....sapori e profumi invernali che ci portano al ricordo del Natale, del freddo, la neve fuori casa e un bel camino acceso in casa!!!!


Il dolce è lo zelten....



Lo Zelten è un dolce che rientra nella categoria detta "Pani Dolci", tradizione della cucina povera, con il miglioramento delle condizioni di vita nei secoli successivi divenne sempre più ricco di ingredienti.

Il nome Zelten risale al nome tedesco "selten" che vuol dire "a volte" inteso a sottolineare l'eccezionalità della preparazione che avviene solo a Natale.
Questo dolce è un tipico pane di frutta, la sua usanza è diffusa in tutto il Trentino Alto Adige ed è per questo che è difficile codificare una ricetta, gli ingredienti cambiano di valle in valle, di famiglia in famiglia.
Si può semplicemente provare a distinguere tra Zelten trentino che è più povero di frutta e contenente una grande quantità di pasta, e quello sudtirolese bolzanino, in cui la quantità di frutta è esageratamente importante.
Una base comune è nella presenza di farina, uova, burro, zucchero, lievito, noci, fichi secchi, mandorle e pinoli.
 

E’ certo che originariamente venisse usato il lievito per il pane, perchè il lievito chimico fu introdotto solo all’inizio del ‘900; oggi si trova anche una versione più rapida con lievito per dolci.
 

Una curiosità che ho trovato su internet è proprio in una delle leggende legate a questo dolce, questa leggenda racconta che nel 700 lo zelten veniva preparato il 13 dicembre e poi offerto agli ospiti fino alla fine delle festività.

Un’altra leggenda sostiene che invece lo Zelten era preparato il 21 dicembre alla vigilia di San Tommaso.

Tutta la famiglia partecipava alla preparazione del dolce soprattutto le giovani donne, perchè il dolce veniva poi donato al loro futuro fidanzato e sposo, infatti si preparava un dolce grande da dividere per tutta la famiglia e altri più piccoli da donare.
Una volta preparato, la madre segnava con una croce il centro del dolce e lo benediva prima di infornarlo.
San Tommaso è colui a cui sono dedicati questi dolci, poiché sarà lui a guidare l’amore verso le giovani donne.

Durante la preparazione, le donne invocano il santo affinché porti l’amore nella loro vita.
Oltre alla preparazione del dolce vi sono altri riti legati al santo, ad esempio le ragazze scrivono le lettere dell’alfabeto su piccoli foglietti che poi saranno piegati e posti sotto il cuscino, prima di dormire pregano e invocano il santo.
La mattina appena sveglie prendono uno dei bigliettini a caso e la lettera estratta sarà  l’iniziale del nome del futuro fidanzato.
I riti erano tanti e variavano di valle in valle, ciò che li accomunava era la ricerca dell’amore.
Una volta pronto lo Zelten veniva benedetto un’ultima volta e riposto nella credenza in  attesa della epifania, giornata in cui veniva diviso fra tutti i componenti della famiglia.

Naturalmente nella mia ricetta ho messo quello che più mi piace e quello che avevo a disposizione, come lievito ho usato il mio lievito naturale.....

Eccovi la mia ricetta......


Ingredienti:
Farina 600g
burro 80g
zucchero 60g
lievito naturale rinfrescato 180g
uova 3
latte tiepido 250ml
noci 100g
mandorle 100g
fichi secchi 100g
uvetta 100g
miele di coriandolo 4 cucchiai
scorza di limone e arancia 1
nocciole 100g
gocce di cioccolato 100g


Procedimento:

  1. Impastare a mano o con una planetaria...io ho usato la mia planetaria....
  2. Nella ciotola della planetaria ho versato la farina e il burro freddo, ho lavorato gli ingredienti con il gancio “K”, poi ho aggiunto lo zucchero, la scorza del limone e dell'arancio, il lievito naturale, le uova, miele e il latte, ho lavorato il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
  3. Nel frattempo ho tostato le nocciole e le mandorle, poi tritato le noci, le mandorle, le nocciole con i fichi secchi, messo l'uvetta ha bagno in acqua.
  4. Ho aggiunto quindi la frutta secca con i fichi, l'uvetta ben strizzata e le gocce di cioccolato al composto, mescolato il tutto sempre con il gancio “K”.
  5. Ho bagnato e strizzato un foglio di carta da forno e rivestito un tegame rettangolare da forno.
  6. Versato il composto nel tegame, livellare bene ed infornare in forno caldo a 180°C per circa 45 minuti.


Togliere lo zelten dal tegame, metterlo sulla griglia e lasciarlo raffreddare bene, meglio mangiarlo il giorno successivo.

  

Mi raccomando fettine molto piccole....dolce molto calorico....

Può essere conservato a lungo in una scatola di latta o sottovuoto, in piccole porzioni.





Da provare veramente buono......




Con questa ricetta partecipo a Panissimo#47, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra,  e Barbara, di Bread & Companatico, questo mese ospitata da  Cakes and Co.