tag foto 1 tag foto 6 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6

10/10/16

Mandorle...pro e i contro

Nei post precendenti abbiamo visto  nel dettaglio cosa bere a colazione ora vediamo cosa mangiare prima di procedere con la colazione.
Oggi parliamo delle mandorle....fanno bene o no a colazione?




È l’albero del mandorlo (appartiene alla famiglia delle rosacee) ad offrirci questi semi molto buoni.
Le mandorle sono chiuse dentro un guscio legnoso e la stagione di raccolta è la tarda primavera (importante solo le mandorle dolci sono commestibili, le mandorle amare sono tossiche).

Mandorle: un alimento buono, sano e ricco di proprietà.
Ma quante mangiarne?
E cosa succede al corpo se si assume il giusto quantitativo di mandorle ogni giorno?

Le mandorle sono una fonte di energia molto importante per il nostro organismo, 100 grammi di mandorle si ottengono 600 calorie:
-50% grassi monoinsaturi e polinsaturi
-12% di fibre.
-20% proteine
-Contiene anche laetrile, sali minerali, magnesio, ferro e calcio
-Vitamina E e B

Le mandorle, come molti altri tipi di frutta secca, sono ricche di vitamine e sali minerali utili al nostro organismo, forniscono energia buona, contengono proteine vegetali e fibre che aiutano il benessere dell’intestino, inoltre, essendo ricche di magnesio aiutano anche il sistema nervoso in caso di stress o fatica, mentre la grande presenza di calcio fa molto bene alle ossa che risultano rafforzate da un consumo costante di questi frutti.

Anche la nostra pelle beneficerà dell’assunzione di mandorle, grazie infatti alla presenza di vitamina E e altre sostanze antiossidanti, risulterà più morbida e giovane.

E’ stato confermato da numerose ricerche scientifiche: le mandorle fanno bene se mangiate con regolarità (anche se associate con altra frutta secca), si è visto che chi le consuma regolarmente ha livelli di colesterolo più bassi e una circolazione migliore.

Ottimo anche l’effetto sulla glicemia e sul senso di sazietà.
Alcuni studi hanno evidenziato infatti come questa frutta secca sia in grado di tenere a bada la glicemia e il senso di fame, inoltre, le mandorle sono ricche di Omega 3, acidi grassi essenziali preziosi per la salute del cuore e non solo.

Proprio grazie alla presenza di questi grassi buoni, le mandorle hanno anche spiccate doti antinfiammatorie e sono inoltre ricche di sostanze antiossidanti che contrastano i radicali liberi.

Mangiare regolarmente frutta secca, tra cui anche le mandorle, contribuisce ad allungare la vita tenendo lontane malattie come diabete, tumore e problemi cardiovascolari.

Quante mangiarne al giorno?

Il consumo di mandorle, e più in generale di frutta secca, giornaliero non deve superare è di 30-35 grammi che corrispondono a circa 15-20 mandorle (dipende dalla grandezza), meglio consumarle con la pellicina dato che proprio nella parte esterna sembrano essere contenuti molte sostanze antiossidanti.

Le mandorle sono un ottimo “spezzafame”, ideale quindi consumarle così come sono a metà mattino o metà pomeriggio, al posto della frutta fresca o di altri spuntini.
Altri modi per inserirle nella propria alimentazione quotidiana sono ad esempio quello di grattuggiarle molto fini e utilizzarle come condimento per primi piatti al posto del parmigiano, magari unite ad un po’di lievito in scaglie realizzando quello che viene chiamato il “parmigiano veg”.

Le mandorle sono ottime poi per preparare torte e biscotti, a questo scopo si può utilizzare anche la farina, già pronta, perfetta, ad esempio, per realizzare una pasta frolla senza glutine, adatta quindi anche ai celiaci.

Benefici
- Colesterolo: la presenza dei grassi polinsaturi offre uno dei benefici delle mandorle, possiedono infatti la capacità di abbassare il livello di colesterolo cattivo nel sangue, aiutando così arterie e vene a mantenersi in buono stato.
- Stress: offrono energia e sono perfette durante la dieta per integrare vitamine, ferro, calcio e magnesio, le mandorle sono infatti consigliate per gli studenti che sono sotto stress da esame, alle donne incinte (attenzione alle possibili intolleranze, consultare il medico!) e chi sta seguendo un intensa attività sportiva.
- Antiinfiammatorio: tra le proprietà delle mandorle troviamo l’azione antinfiammatoria per l’intestino e i reni.
- Anemia: ottime per chi soffre di anemia, contengono infatti molto ferro.
- Ossa e osteoporosi: la presenza di calcio le rende ideali anche per coloro che soffrono di osteoporosi.
- Umore: secondo alcuni studi stimolano anche il buon umore.
- Tosse: il latte di mandorla è utilizzato anche per calmare la tosse.
- Stitichezza: l’olio di mandorle per uso alimentare aiuta a combattere i problemi di stitichezza.
- Fame: smorza la fame, perfette quindi per chi è a dieta.

Mandorle ed estetica
Tra le proprietà delle mandorle c’è la capacità di prevenire rughe e smagliature, sono considerate delle vere e proprie alleate per la lotta contro l’invecchiamento.
Questo è possibile grazie alla presenza dei polifenoli, antiossidanti che ostacolano i radicali liberi.
Le mandorle possono quindi essere utilizzate per le maschere di bellezza, ma i loro benefici sono per lo più riscontrati se utilizzati a scopi alimentari.
Altra proprietà della mandorla per quanto riguarda la bellezza è la sua capacità di mantenere intatta la bellezza dei capelli, l’olio di mandorle dolci.

Benefici per le neomamme
Le neomamme in particolare dovrebbero tenere presenti quali possono essere i benefici delle mandorle.
E’ da ricordare infatti che esse aiutano a migliorare le antiestetiche smagliature che si formano in seguito alla gravidanza, permettono di mantenere alto il livello di zuccheri nel sangue e l’olio di mandorle, usato per frizionare il corpo e la pelle, può rivelarsi un ottimo rimedio contro lo stress.
Lo stesso beneficio rientra fra le proprietà benefiche delle noci.

Controindicazioni
Anche se la frutta secca può sembrare a prima vista innocua, non bisogna dimenticare invece che anche in questo caso esistono delle controindicazioni e dei casi in cui è sconsigliata.
Nel caso ad esempio si soffra di calcoli, che siano renali o biliari, è necessario consumare con moderazione mandorle, frutta secca e altri alimenti ricchi di ossalati che possono aggravare la situazione.
Anche in caso si soffra di herpes, le mandorle sono sconsigliate vista la presenza dell'aminoacido arginina che potrebbe promuovere la replicazione del virus.

Attenzione soprattutto a possibili intolleranze o allergie è consigliato comunque ricorrere al consulto medico in caso di dubbi.



Alla prossima con le noci e nocciole....