tag foto 1 tag foto 6 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6

01/09/14

Aloe Vera....cos'è...

Buon 1° settembre a tutti, le vacanze sono finite, per chi le ha fatte, il rientro è sempre traumatico...abbiamo mangiato troppo, la nostra pelle è bella abbronzata ma secca, i capelli sciupati dal sole...ma ecco una pianta che ci viene in soccorso...l'Aloe Vera.
In questi ultimi anni si sente molto parlare dell'Aloe Vera come di una pianta miracolosa, ma cos'è l'Aloe Vera?
A cosa serve?
E' veramente miracolosa come dicono?

In questo primo post dedicato all'Aloe Vera vedremo prima cos'è, poi una breve descizione a cosa serve e cosa contiene e come coltivarla a casa, poi nei post successivi vedremo meglio i suoi effetti sul nostro organismo.


COS'E' L'ALOE VERA

Sono state classificate oltre 277 di specie diverse di piante di Aloe, originarie quasi tutte delle regioni aride dell’Africa, Europa, Asia e America.
Di queste 277 specie, attualmente solo 5 sono riconosciute come aventi valore nutrizionale e medicinale e sono: Aloe Barbadensis Miller nota anche come Aloe Vera, Aloe Perryi Baker Socotrine o Zanzibar Aloe, Aloe Ferox o Aloe del Capo, Aloe Arborescens, Aloe Saponaria.

Aloe Barbadensis Miller (pianta Aloe Vera) è la più popolare e usata, ormai universalmente riconosciuta con il nome di Aloe Vera è la più potente ai fini nutrizionali e medicinale ed è la specie di aloe utilizzata nella maggior parte dei prodotti commerciali a base di aloe oggi disponibili.

Aloe Vera è una pianta succulenta, perenne che assomiglia ad un cactus o ad una pianta grassa, vive e cresce con un clima caldo arido, e le sue origini storiche risalgono all’ area africana, non cresce e non sopravvive in condizioni di freddo gelido.
Aloe vera appartiene alla famiglia delle liliacee, specie xerofite, cosi chiamate perchè in grado di chiudere i propri stomi per garantire l’equilibrio idrico della pianta. Questa capacità di conservare l’acqua al proprio interno gli consente di sopravvivere a lunghi periodi di clima secco o addirittura di siccità, inoltre dimostrano la straordinaria capacità dovute a speciali componenti chimiche di richiudere questi istantaneamente qualsiasi ferita o danno all’epidermide, impedendo alla preziosa acqua di fuoriuscire, è questo potere di autoguarigione che potrebbe aver fornito alle antiche civiltà l’indizio per scoprire le virtù terapeutiche dell’aloe.

Aloe Vera è una pianta molto raccolta e le foglie che crescono a spirale sul bordo hanno delle spine, crescono da un peduncolo corto vicino al livello del terreno, ogni pianta ha di solito 12-16 foglie che quando raggiungono la maturità, può pesare fino a 3 kg e raggiungere una lunghezza che va da 40 a 70 cm. l’esterno della foglia è liscia e gommosa al tatto.

La foglia della pianta Aloe Vera contiene al suo interno un gel, è questa sostanza che viene utilizzata dalla medicina alternativa.
Il gel è un variegato mix di antiossidanti, antibiotici, stimolatori della crescita delle cellule, adattogeno, inibitore della cicatrice, anti-infiammatorio, astringente, agente coagulante e il dolore inibitore ecc, è un magazzino alimentare che contiene oltre 75 nutrienti come i minerali, aminoacidi, una serie di vitamine tra cui B12, enzimi e tanto altro ancora.

Tra le proprietà dell'Aloe troviamo la capacità di eliminare gli scarti delle cellule, di distruggere le tossine, di ristrutturare, rigenerare e rivitalizzare il midollo osseo. Inoltre "curarsi" con l'aloe assicura un'azione antiossidante, riabilitante ed energetica, riattiva il sistema immunitario e stimola la produzione di endorfine, esercitando un'azione antidolorifica o analgesica.

L'aloe tonifica i capillari sanguinei ed accelera la cicatrizzazione di ferite grazie al suo alto potere coagulante. È inoltre di grande aiuto quando si ricerchi un immediato sollievo alle punture di un insetto, di una medusa, o di un'ortica Utilissimo nel trattamento della tigna, micosi vaginali, afte, herpes, piaghe o ulcere della mucosa boccale. Perfetto in caso di acne, macchie marroni e come balsamo per i capelli. È pure un ottimo rimedio contro la forfora e la caduta dei capelli.

COLTIVARE L’ALOE VERA A CASA

Non c’è dubbio che il modo migliore di utilizzare l’aloe vera e di beneficiare di tutti i suoi vantaggi è quello di coltivare aloe vera autonomamente.
Ecco alcuni accorgimenti da tener presente (letto su in sito).
Se disponete di un pezzo di terra o di un giardino potrete piantarle, ha bisogno di una terra porosa o anche arenosa e di essere esposta al vento, poiché quest’ultimo la fortifica e la fa crescere sana e senza problemi, abbia un esposizione di almeno 4 ore al sole quotidianamente, l’irrigazione deve essere abbondante ma non frequente, non deve essere esposta a temperature inferiori allo zero, la temperatura ideale è  tra 20 e 25 º C.

Come potete vedere dalla foto io la sto coltivando in vaso, le piante più grandi hanno 4 anni, le piccoline sono le figlie nate quest'anno.

IN VASO: procuratevi grandi vasi, fondamentale affinché la pianta possa svilupparsi bene e possa raggiungere la maturità necessaria perché le sue foglie arrivano ad avere le qualità curative ottimali.
Per sapere la dimensione giusta del vaso, generalmente si prende la lunghezza della foglia di aloe dividendola per due per calcolare il diametro del vaso, cioè, se la foglia misura 30 cm, il piatto del vaso deve essere di 15 cm di diametro.

UBICAZIONE: se la pianta è ubicata all’esterno è importante anche considerare il vento, è meglio non esporre a venti diretti e se proprio non se ne può fare a meno parchè si abita in una zona ventosa, dobbiamo evitare di bagnare le foglie durante l’irrigazione, per evitare di farla marcire.
Se la si coltiva al chiuso e la si usa come pianta ornamentale è meglio posizionarla in modo tale che possa avere luce intensa.
Contrariamente a quanto si crede l’aloe vera non cresce bene in un suolo povero, ma necessita di una terra ricca, nutriente e leggermente acida, normalmente la cenere è considerata un fertilizzante adeguato e naturale.

PIANTUMAZIONE: il momento migliore per piantare l’aloe vera è la primavera, quando il ciclo di vita è più attivo e forte, se scegliamo di piantarla a terra è meglio fare in modo che ci sia una lieve pendenza del terreno, per far si che l’eccesso di acqua di irrigazione o della pioggia dreni in maniera corretta evitando di formare dei pantani sotto la pianta. Se invece la piantate nei vasi e meglio mettere sul fondo del vaso due dita di ghiaia per garantire un buon drenaggio.

COME CURARE LA CRESCITA: per la piante a terra, non abbiamo bisogno di irrigare durante l’inverno e in estate annaffiare solo una volta al mese.
Se invece l’aloe è in un vaso varia a seconda del mese, e periodo dell’ anno, inverno di solito è sufficiente una volta al mese in primavera e in autunno due volte al mese e in estate una volta alla settimana.
E ‘preferibile usare acqua piovana o filtrata, non l’acqua del rubinetto dove potrebbero esserci fluoro o cloro, che potrebbe rallentare la crescita della pianta.
I problemi con la pianta di Aloe Vera se la pianta non cresce e non si sviluppa correttamente dobbiamo considerare che ci siano problemi e quindi importante  osservare i seguenti sintomi per capire quale soluzione apportare:

- se le foglie sono troppo sottili e ripiegate la causa più probabile è la mancanza di irrigazione;
- quando le foglie tendono ad andare troppo in verticale, è molto probabile che i figli (se presenti) assorbono parte delle sostanze nutritive di cui ha bisogno la pianta madre, oppure  può anche essere che la pianta riceve poca luce e quindi spostiamo la pianta in un luogo più illuminato.
- quando le foglie sono piegate a formare delle pieghe alle punte, ci sono tre cause più probabili: eccesso di acqua durante la sua fase di riposo, o che le piante hanno bisogno di essere esposte al vento cosi che le foglie diventano più forti.
- se il colore delle foglie si scurisce con molta probabilità la causa và ricercata da eccessiva esposizione alla luce diretta.
- se ci sono macchie sulle foglie è molto probabilmente dovuto al fluoro contenuto nell’ acqua dal rubinetto, nel qual caso si deve usare l’acqua filtrata.
- quando la crescita delle piante è lenta può essere dovuta a diverse cause: troppo fertilizzante, acqua e / o terreno molto alcaline, troppo innaffiare, molte piante “figli” troppo vicino alla pianta madre, vaso troppo grande o troppo piccolo.

Nonostante tutto possiamo affermare che la pianta dell’aloe è molto robusta e molto adattabile, se ci prendiamo cura di non esagerare con l’irrigazione, forniamo un’adeguata illuminazione e un contenitore di dimensioni adeguate, rimuoviamo i germogli quando le loro foglie sono di 20-25 cm, abbiamo cambiato la sabbia e concimiamo una volta all’anno,abbiamo maggior probabilità di successo di utilizzare tutti i principi attivi.
E’ importante sottolineare che per essere veramente efficace la pianta deve avere almeno tre anni.

PROPRIETA’ DELL’ALOE VERA

Fino a quando le foglie di aloe vera non sono completamente mature, le loro proprietà medicinali benefiche non sono presenti, quindi è importante usare il gel estratto da foglie che hanno raggiunto tre anni ed è quindi importante che il gel non venga estratto prima.

All’interno delle foglie della pianta di aloe vera è contenuta una sostanza gelatinosa che viene chiamata polpa (gel), in esso sono contenuti degli elementi benefici come: mucillagini (polisaccaridi eterogenei), di cui il più importante è l’ acemannano di tipo beta-(1-4)-one-O-acetilata, neutro e glucomanas glucuronide, glicoproteine (lectine) aminoacidi, enzimi, minerali, basso tannino e tracce di antracene.

ENZIMI: Sappiamo tutti che gli enzimi sono elementi indispensabili in quanto scompongono le proteine che assumiamo con i pasti, cosi da permettere all’organismo di assorbire le proteine.
Possiamo quindi definire gli enzimi dei “trasformatori” del cibo in energia per  le cellule degli organi del corpo umano.
Gli enzimi contenuti nell’Aloe Vera sono: Bradichinasi, Catalasi, Cellulasi, Creatinfosfochinasi (enzima muscolare), Lipasi (aiuta la digestione), Nucleotidasi, Fosfati alcalina, Fosfati, amilasi, Enzimi proteolitici, Acidi grassi insaturi.

VITAMINE: Le vitamine sono molte, le principali: Vitamina A, B1, B2, B3, B6 (piridossina), B12 (cobalamina) (si trova per lo più nella carne e nei derivati del latte, molto raramente nelle piante e quindi risulta estremamente benefica per i vegetariani o i vegani), C, E, Acido Folico.

MINERALI: Calcio, Fosforo, Potassio, Ferro, Sodio, Colina, Magnesio, Manganese, Rame (per la formazione del sangue), Cromo, Zinco (un minerale dalle molteplici funzioni tra cui quella di migliorare l’umore, la prontezza di riflessi e mentale ed inoltre stimola il sistema immunitario), Selenio, Iodio.

MONO E POLISACCARIDI: La lunga catena dei polisaccaridi contenuta nell’Aloe Vera è uno degli elementi che maggiormente contribuiscono alle proprietà incredibili della pianta.
I monosaccaridi sono zuccheri semplici che non possono essere scomposti dall’acqua: cellulosa, glucosio, mannosio aldonentosio, acifo uronico, lipasi, alinasi, L-rammosio, acemannano (il più studiato dagli scienziati per i  risulti  utili nella cura delle malattie del sistema immunitario come il cancro o HIV).

AMMINOACIDI ESSENZIALI: Gli aminoacidi sono i mattoni che servono alla costruzione delle proteine ed influiscono sulle funzioni cerebrali, tra cui anche le emozioni, fondamentali per tutte le funzioni dell’organismo. Essenziali vuol dire che il corpo non le produce da solo.
Sette degli otto aminoacidi classificati come essenziali sono presenti nell’aloe, come anche undici dei quattordici classificati come aminoacidi non-essenziali che il corpo produce da sé: Isoleucina, Leucina, Lisina, Metionina, Fenilalanina che servono per l’assimilazione delle proteine, per il pancreas e la milza e per il rinnovamento dei globuli del sangue, prevengono l’anemia, aumentano la resistenza alle malattie, per il fegato, la digestione, la formazione dei muscoli, aiutano a combattere l’insonnia e sono utili nelle terapie antidepressive.
Inoltre contiene anche Treonina (disintossicante del fegato), Valina (migliora le prestazioni atletiche, per le malattie del fegato, emodialisi).

AMMINOACIDI NON ESSENZIALI: Acido Aspartico, Acido Glutammico, Alanina, Arginina, 1/2 Cistina, Glicina, Istidina, Idrossiprolina, Prolina, Tirosina.
Lignina (una sostanza che si trova in abbondanza nelle cellule paranchimatiche della polpa gel dell’ aloe vera, la qualità più spiccata è quella di penetrare facilmente all’interno della pelle, portando con sè altri elementi), Saponine (sono glucocidi che hanno sia potere depurante che antisettico), Antrachinoni (hanno un ampio spettro di funzioni, sono potenti antibiotici con proprietà battericide e antivirali, possegono proprietà analgesiche e lassative).
Isobarbaloina, Barbaloina, Antracene, Antranolo e Acido Aloetico, sono resine che non combattono il dolore in modo tanto efficace come l’Aloina, ma posseggono proprietà battericide quindi hanno effetto analgesico e antibiotico.
Antranolo, Antracene, Acido Aloetico antibiotici.
Aloe Emodina antibatterico e lassativo.
Acido Cinnamico germicida e funghicida, oltre ad essere un detergente; l’estere di Acido Cinnamico è noto per la sua capacità di scomporre i tessuti necrotici ed inoltre per il suo potere analgesico e anestetico.
Acido Crisofanico è un derivato dell’ aloe emodina ed è stato utilizzato con successo nel trattamento della psoriasi e di alcuni funghi della pelle.
Resistanolo che sono alcol derivati dall’Acido Cinnamico, anche’essi con proprietà battericide.


 

Spero che questo primo post sull'Aole Vera l'abbiate trovato interessante...
.....quindi alla prossima...





AVVERTENZA Le informazioni fornite su questo blog sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari, abilitati a norma di legge.